[Versione Italiana]

Interview with Dimitris Sgouros

Foro Ellenico - July-August 2001 edition

English translation by AltaVista/Systran. See below for original article in Italian.


SGOUROS, THE GENIUS OF THE PIANO WHO DREAMS OF LA SCALA

An interview with the celebrated pianist

 

Regardless of the language, newspaper or community, the terms used to describe Dimitris Sgouros are always more or less the same ones: a genius, a musical child prodigy comparable to Amadeus Mozart for the precocity of his talent, a phenomenon witnessed only once in every hundred years. Upon meeting this Greek pianist in 1982, Artur Rubinstein said: "Thank God for keeping me alive long enough to hear Sgouros play. He is the best pianist that I have ever heard, including myself." 

Born in Athens in 1969, Sgouros took to music from a young age, entering the Conservatory of Athens at the age of seven. On May 20 1977, barely eight years old, he played a concert including two of his own compositions. He continued his studies at the University of Maryland and the Royal Academy of Music in London, from which he graduated with the highest marks ever awarded in 1984. He was only 12 when he played in Carnegie Hall, New York with the National Symphony Orchestra of Washington under the direction of Mstislav Rostropovich, who called him "a miracle of nature". A year later Sgouros recorded his first LP, the Rachmaninoff 3rd Piano Concerto, with the Berlin Philharmonic led by Yuri Simonov. Since then he has held concerts all over the world - in Europe (including Italy), the United States, Japan, Australia - and played with some of the most prestigious orchestras of the international scene. Apart from the extraordinary talent witnessed by the public, the particular vitality that Sgouros brings to his interpretations, he also has the spiritual wealth of a passionate artist, embracing philosophy, mathematics, astronomy and languages. In the following interview, which he kindly granted "Foro ellenico", the pianist speaks about his future plans, his music, and his relationship with Italy.

 

Maestro, your career as a musician began very quickly and immediately achieved crowning success, in Greece and throughout the world. Today, a little more than thirty years of age, what do you still expect from your profession, as an artist and as a man? What other dreams do you hope to achieve?

S -  My only objective, like all pianists, is to serve my art with love and respect, for the important works that one is called upon to interpret from time to time. In reality, the profession of an artist does not have limits. For no matter how much talent we possess, even two or three lifetimes is perhaps insufficient to approach the actual objectives. Like everyone else, I hope to realize the greatest possible number of my dreams. Without getting the public involved in my private affairs (??), I hope to have the necessary health to realize my dreams.

 

What musicians have particularly inspired you, which artists in particular?

S -  It would be unjust to name only some of the many artists because in the past and present, the international music scene has produced many great names, sources of inspiration for us all. Amongst the composers, it is difficult to say which I prefer, even if in my heart Chopin, Puccini and Strauss occupy a special place. The great masters are many, but in order to avoid speaking about our contemporaries, I just mention some from the Romantic era (?). I have a great collection of recordings of musicians of every kind, that I admire and that I also follow in their live concerts.  All of them naturally exercise a powerful influence on my spirit.

 

It is written that you have a special partiality for Italy - what is so special about this country and its music?

S -  I have been very fortunate, having known Italy since I was 11 and having unanimously won first prize and the gold medal in the International Piano Competition of Senigallia, even if it was only in the second category. It was exceptional because the competition is normally only open to artists of at least 20 years of age. Thus began my career in Europe. A few months later, I began to appear as a soloist throughout Italy. This entire country is a source of art. It is difficult for a musician to remain indifferent to it. I love the Italian people, who love music and I believe also me. It is known that I adore Opera, the fine Italian bel canto and wish in the future to direct the great Italian grand operas. The rich musical output of this country is enviable and its inspiration is infinite. But I also adore the cuisine!

 

What are the most cherished memories and legacies of your musical career so far?

S -  I already have behind me a career of more than twenty years. There are many meaningful events that remain imprinted in my heart and in my mind. Every phase of my life as a musician has been equally important and precious to me, because at every stage "I invest" pieces of my spirit. Going back in time, from the moment my career began in Greece, at the age of eight, to the powerful memory of Carnegie Hall in New York, when at the age of 12 I played the Rachmaninoff 3rd Piano Concerto under Rostropovich.  It was an unprecedented success and therefore my debut in the United States also marked the extraordinary commencement (?) of my international career. That evening is strongly imprinted inside of me. Later on, I especially cherish the encounters with the giants of music, from Rubinstein to Von Karajan to Abbado, when still young, and my first recording at the age of 13, but above all I cherish the love of the people, in different places all over the world. 

 

We move on now more generally to the history of music in Greece: a country, which because of historical events was kept separated from the rest of Europe, and so had a later development in the field of lyric and symphonic music, even though it has been known to produce great talents (Mitropoulos, Callas and Xenakis, for example).  What is the current state of music in Greece?

S -  It is true that the long absence of Greece from the European mainstream during those centuries when classical music developed in the continent has had pessimistic consequences for all forms of cultural expression in our country. Despite this, the contemporary musical examples may be considered as sufficiently satisfactory. In the land in which culture was born, in the land of the Muses and of the beauty, of which I am very proud, I believe that the great examples of Callas, Mitropoulous and some other notable composers, will find continuity in the persons of the new generation, who are prepared to work (?), who have the requisite talent and inspiration. The fact that new music auditoria are being built around the country in ever greater numbers and the fact that these halls dedicated to music are always full, demonstrate that the future will be even better. 

 

Perhaps a banal question, but one concerning the present: should music fear the Internet and globalization?

S - The technology does not frighten me, but rather the passivity of the people who are leading us toward the so-called globalization (?).  Music is not in danger, and if used well, can play a role in moderating those movements and those tendencies that in the future may constitute a threat owing to the unique characteristics of different cultures. With music wars are fought peacefully, and more effectively than those fought with arms; music can constitute a body of resistance to the currents of social phenomena; it is by its nature a kind of poetry in a universal language. It has nothing to fear from the Internet.

 


Watch a video of Dimitris Sgouros accompanying in the beloved aria 'O mio babbino caro' ("Oh my dear papa") from Puccini's Gianni Schicchi

>>  http://youtube.com/watch?v=7gGpGpcF0ME&fmt=18   <<

 


 

 

Sgouros and Zubin Mehta - joint TV appearance

Link to original article in Italian:  http://www.ambasciatagreca.it/foromusica.htm

 

SGOUROS, IL GENIO DEL PIANOFORTE CHE SOGNA LA SCALA

Foro Ellenico - Luglio-Agosto 2001

Intervista con il celebre pianista

 

Non importa quale sia la lingua, il giornale o il pubblico, perché le definizioni usate per evocare la musica di Dimitris Sgouros sono più o meno sempre le stesse: un genio, un enfant prodige della musica paragonabile ad Amadeus Mozart per la precocità del talento, un fenomeno di quelli che capita di vedere una volta ogni cento anni. Dell'oggi 32enne pianista greco Artur Rubinstein nel 1982 disse: "Ringrazio Dio per avermi mantenuto in vita a lungo abbastanza per potermi consentire di ascoltare Sgouros con le mie orecchie. E' il miglior pianista che io abbia mai ascoltato, incluso me stesso".

Nato ad Atene nel 1969, Sgouros comincia ad interessarsi alla musica in giovanissima età, entrando al Conservatorio di Atene già a sette anni. Il 20 maggio del 1977, ad appena otto anni, esegue un concerto che include anche due sue composizioni. Proseguì i suoi studi all'Università del Maryland e alla Royal Academic of Music di Londra, dalla quale si diplomò con il massimo dei voti nel 1984. Aveva solo 12 anni quando fu chiamato a suonare alla Carnegie Hall di New York con l'Orchestra nazionale sinfonica di Washington diretta da Mstislav Rostropovich che, impressionato dalla sua interpretazione, lo definì "un miracolo della natura". L'anno dopo Sgouros registrò il suo primo disco, il terzo concerto per piano di Rachmaninoff, con l'orchestra filarmonica di Berlino condotta da Yuri Simonov. Da allora ha tenuto concerti un po’ in tutto il mondo - Europa (inclusa Italia), Stati Uniti, Giappone, Australia - con alcune delle orchestre più prestigiose della scena internazionale. A colpire il pubblico, oltre al talento straordinario, la particolare vitalità che Sgouros sa imprimere alle sue interpretazioni, la ricchezza spirituale di un artista appassionato anche di filosofia, matematica, astronomia e lingue.

Nell'intervista che segue e che ha gentilmente concesso a "Foro ellenico", il pianista parla dei suoi progetti futuri, della sua musica e del suo rapporto con l'Italia.

 

Maestro, la sua carriera di musicista è iniziata prestissimo ed è stata subito coronata da grandi successi, in Grecia e all'estero. Oggi, poco più che trentenne, cosa si aspetta ancora dalla sua professione, come artista e come uomo? Quali altri sogni vorrebbe realizzare?

S - Il mio unico obiettivo, come pianista, è quello di servire sempre la mia arte con amore e rispetto di fronte alle importanti opere che sono chiamato di volta in volta ad interpretare. La professione di un artista in realtà non ha termine. Per quanto talento ci sia, non bastano due o tre vite, forse, per avvicinarsi ai propri obiettivi. Per il resto, come uomo desidero, al pari di tutti noi, realizzare il maggior numero di sogni possibile. Non sono abituato a rendere pubblica la mia vita privata; spero solo di avere la salute necessaria a realizzare i miei sogni.  

 

A quali musicisti in particolare si ispira io suo modo di fare musica e quali artisti più di altri hanno condizionato la sua ispirazione?

S - Sarebbe ingiusto nominare solo alcuni dei molti artisti, perché, sia nel passato che oggi, la scena musicale internazionale ha prodotto molti grandi nomi, fonte di ispirazione per tutti noi.

Tra i compositori, difficilmente ne ho di preferiti, anche se nel mio cuore Chopin, Puccini e Strauss hanno un posto speciale. Sono però molti i grandi maestri, sia del periodo strettamente classico che del romanticismo, per non parlare poi dei contemporanei. Ho una grande collezione di registrazioni di musicisti "di ogni genere", che ammiro e che seguo anche in concerti dal vivo. Tutti costoro naturalmente esercitano un potente influsso sul mio spirito.

 

Di lei si è scritto che ha una particolare predilezione per l'Italia: cosa la colpisce di più di questo Paese e della sua produzione musicale?

S - Sono stato in effetti molto fortunato, perché conosco l'Italia fin da quando avevo 11 anni e ho vinto il primo premio e la medaglia d'oro all'unanimità al Concorso internazionale di pianoforte di Senigallia, anche se nella seconda categoria. In via eccezionale, perché si trattava di una competizione aperta ad artisti di almeno vent'anni. E' così che è cominciata la mia carriera in  Europa. Pochi mesi dopo, ho cominciato a apparire come solista in tutta Italia. Questo Paese è interamente una fonte di arte. Difficilmente un musicista le resta indifferente. Amo molto anche il suo popolo, che ama la musica e credo anche me. E' noto che adoro l'Opera, il bel canto italiano e desidero nel futuro dirigere le grandi opere liriche italiane. La ricca produzione musicale di questo Paese è invidiabile e la sua ispirazione è infinita. Ma di esso adoro anche la cucina!

 

Qual è il ricordo più caro legato alla sua professione di musicista?

S - Ho già dietro di me una carriera ultra ventennale. Ci sono moltissimi avvenimenti significativi che sono rimasti impressi nel mio cuore e nella mia mente. Ogni fase del mio cammino di musicista è stata per me ugualmente importante e preziosa, perché in ogni mia apparizione "investo" pezzi della mia anima. Tornando indietro nel tempo, dal momento in cui è iniziata in Grecia la mia carriera, ad otto anni, la memoria si ferma alla Carnegie Hall di New York, quando a 12 anni ho interpretato sotto Rostropovich il Terzo Concerto di Rachmaninoff. Il successo è stato inaudito e così il mio debutto anche negli Stati Uniti ha segnato lo straordinario proseguimento della mia carriera internazionale. Quella serata è fortemente impressa dentro di me.

In seguito, mi sono particolarmente cari il mio incontro con i giganti della musica, da Rubinstein a Von Karajan ad Abbado, ad un'età molto giovane, il mio primo lavoro discografico già a 13 anni, ma soprattutto l'amore della gente, dal un punto all'altro della pianeta.

 

Passiamo più in generale alla storia della musica in Grecia: questo Paese, a causa di eventi storici che lo hanno tenuto a lungo separato dal resto dell'Europa, è arrivato più tardi alla produzione lirica e sinfonica, anche se poi ha saputo esprimere grandi talenti (Mitropoulos, Callas e Xenakis, per esempio). Qual è oggi, secondo lei, lo stato della produzione greca in campo musicale?

S - E' vero che la lunga assenza della Grecia dalla vita comune europea in quei secoli in cui si formava la musica classica nel continente ebbe pessime conseguenze per tutte le forme di espressione culturale del nostro Paese. Nonostante questo, gli esempi musicali contemporanei possono considerarsi abbastanza soddisfacenti. Nella terra nella quale è nata la cultura, nella terra delle Muse e della bellezza, della quale sono molto fiero, credo che i grandi esempi della Callas, di Mitropoulos e di alcuni altri validi compositori, avranno sempre un seguito significativo nelle persone della nuova generazione, che la seria preparazione, hanno a disposizione talento e ispirazione. Il fatto che si costruiscono in tutto il Paese auditori in numero sempre maggiore e il fatto che queste sale dedicate alla musica siano sempre piene, dimostra che il futuro sarà ancora migliore.

 

Una domanda forse banale, ma imposta dall'attualità: secondo lei, la musica deve temere Internet e la globalizzazione?

S - Non mi spaventa la tecnologia, ma la passività dei popoli che ci porta alla cosiddetta globalizzazione. La musica non solo non è in pericolo, ma se usata bene, può giocare un ruolo catalizzante di tutti quei movimenti e quelle tendenze che in futuro possono costituire una minaccia per le caratteristiche specifiche delle varie culture. Con la musica si possono anche combattere guerre pacifiche, tra l'altro molto più efficaci di quelle combattute con altre armi; la musica può costituire una forma di resistenza ai fenomeni sociali odierni; essa è per natura poesia in una lingua internazionale. Non ha nulla da temere da Internet.    


Concerto solenne dell'Anno Culturale Ungheria-Italia

con la Budapest Festival Orchestra

Direttore: Ivan Fischer

Solista: Dimitris Sgouros

Maggio 2013

"Dimitris Sgouros... an extraordinary man who touched many people's personality... colleagues said that making music is always special with him"

 


Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo

con la Budapest Festival Orchestra

Direttore: Ivan Fischer

Solista: Dimitris Sgouros

Maggio 2013


 


 

Back to Home Page - Free MP3 Music by Dimitris Sgouros